Storia istituto

 STORIA DELL'ISTITUTO

La nostra scuola è stata intitolata a Gioacchino da Fiore, personaggio illustre del Medio Evo, perché a Celico ebbe i natali intorno al 1130, oggi è venerato dalla chiesa cattolica come Beato, fu monaco e scrittore. Ebbe un’educazione classica basata sullo studio della lingua latina e greca. Scrisse numerosi libri e fra le sue opere molto importante è il Liber Figurarum in cui spiega la dottrina cattolica per mezzo di figure simboliche. distinse per lo spirito di penitenza, per l’opposizione ai potenti della terra e per il dono della profezia. Dante Alighieri lo colloca fra i beati sapienti con queste parole:“E lucemi da lato/ il calabrese abate Gioacchino/di spirito profetico dotato/” ( Par. XII ).
Al ritorno da un viaggio in Palestina matura l’idea di abbandonare tutti i suoi averi e beni per ritirarsi in preghiera sui monti della Sila dove fonda il monastero di S. Giovanni in Fiore, che diviene il centro di un nuovo ramo dell’Ordine Benedettino, chiamato Ordine Florense. Il Papa Celestino III, il 25 agosto del 1196, approva la costituzione del nuovo Ordine.
Morì il 30 marzo del 1202 a S. Martino di Giove presso Canale nel comune di Pietrafitta alle porte di Cosenza. La sua salma fu trasportata e tumulata nella cripta del Duomo di S. Giovanni in Fiore.

_________________________________

L’Istituto Comprensivo di Celico, incluso nel Distretto Scolastico n. 28, è composto dalle Scuole Materne, Elementari e Medie del Comune.
Il territorio comunale di Celico registra una popolazione di 3.150 ab. Circa, distribuita su una superficie di Kmq 98,8 ad un’altitudine compresa fra i 460 e i 1.630 m. s.l.m..
La particolare estensione territoriale risulta essere caratterizzata da un numero elevato di contrade e borghi.
Molte sono le attività presenti nel territorio: l’edilizia, il commercio e le attività terziarie mentre nelle frazioni la principale forma di attività è l’agricoltura che, grazie ad un processo di meccanizzazione, favorisce trasformazioni di prodotti come segale, patate e funghi. Interessante è anche l’apicoltura, una vera passione tramandata da padre in figlio, e che, per alcuni rappresenta occasione per arrotondare i guadagni.
Gli allevamenti di ovini e bovini alimentano la produzione di latticini che vengono lavorati da più imprese casearie ricavando prodotti tipici. L’intensificazione di iniziative a carattere sociale , la costituzione di servizi di promozione ed assistenza (il consultorio familiare, il presidio riabilitativo per i soggetti in situazioni di handicap, gli impianti sportivi e la Pro- Loco) e l’attuazione di un Centro Risorse con l’attivazione di una cooperativa in località Colamauci ( Lagarò Lupinacci) e relativa l’implementazione a Celico-centro con la costituzione di due cooperative che favoriscono lo sviluppo e la valorizzazione dei prodotti tipici, offrono alla popolazione la possibilità di una maggiore partecipazione alla realtà sociale riscoperta e rivalutata dalle antiche tradizioni.
E’ attivo un gruppo SCOUT che promuove interessanti esperienze educative per i ragazzi ed i giovani d comunità.
A Celico centro sono attivi servizi socio-assistenziali a favore dei minori sottoposti anche a provvedimenti dell’ Autorità Giudiziaria, come la “ Casa Famiglia” e il “ Gruppo Appartamento”.
Quanto alle comunicazioni via cavo e via etere il comune di Celico ha il seguente indirizzo INTERNET: CELICO - COM CELICO @ MEDIANETIS . IT .
A Celico, inoltre, sono presenti due importanti associazioni culturali: l’Associazione Culturale “ Abate Gioacchino” monaco, e l’ Associazione musicale “ S. che appassiona i cultori degli scritti e del pensiero dell’ illustre Cecilia”.

Inizio pagina

Questo sito utilizza cookie di tipo tecnico, per cui le informazioni raccolte non saranno utilizzate per finalità commerciali nè comunicate a terze parti. Per approfondimenti visualizza la nostra cookie policy

Nascondi questo messaggio
Cookie Policy